Piazza Garibaldi 1 - Tel. +39 0422 858900

PEC protocollo.comune.pontedipiave.tv@pecveneto.it

Contrasto: a
Testo:
a a a
Sei in: Biblioteca » Iniziative » Conoscere per essere liberi

Conoscere per essere liberi

Due serate di approfondimento sulle mafie

secondo appuntamento

16 NOVEMBRE 2022 – ORE 20.45 - Auditorium della Scuola Primaria di Ponte di Piave, via Verdi 7 

Cristina Marcadella, familiare di vittima innocente di mafia, e il giornalista Antonio Massariolo presenteranno il fumetto "Quanto può crescere una quercia?" dedicato a Matteo Toffanin, giovane ucciso dalla mafia in Veneto.
Introduce Chiara Vecchio, coordinatrice provinciale dell'associazione Libera contro le mafie

Da un’idea di Angelica Furino e la squadriglia “Lupe” del gruppo scout Agesci Ponte di Piave 1

Ingresso libero

 

 

19 OTTOBRE 2022 – ORE 20.45 - Auditorium della Scuola Primaria di Ponte di Piave, via Verdi 7

Incontro con Francesco Trotta, professore, curatore con Attilio Bolzoni del blog "Mafie" sul quotidiano Domani e coautore, tra gli altri, di “Mafia come M. La criminalità organizzata nel Nordest spiegata ai ragazzi.
Introduce Stefania Carrer, Coordinatrice Provinciale di Avviso Pubblico – Enti locali e Regioni contro mafie e corruzione

Nella serata del 19 ottobre 2022 presso l’auditorium della scuola primaria di Ponte di Piave si è tenuto il primo di due incontri sul tema delle mafie, dal titolo “Conoscere per essere liberi”.
In questo primo evento è intervenuto Francesco Trotta - professore, curatore con Attilio Bolzoni del blog “Mafie” sul quotidiano “Domani” e coautore, tra gli altri, di “Mafia come M. La criminalità organizzata nel Nordest spiegata ai ragazzi” -, Stefania Carrer coordinatrice provinciale di “Avviso Pubblico – Enti locali e Regioni contro mafie e corruzioni - e due componenti in rappresentanza della squadriglia “Lupe” del Gruppo Scout di Ponte di Piave, che hanno portato la loro testimonianza sull’impresa svolta rendendole più consapevoli del fenomeno.

Nella serata si è parlato di vari aspetti relativi alla mafia: dal pregiudizio radicato di una sua presenza solo nel Sud dell’Italia, passando per il ricordo di Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e tutte le vittime innocenti cadute per mano della criminalità organizzata. Al termine le ragazze presenti hanno chiesto cosa i giovani posso fare per combattere la criminalità organizzata. Il giornalista a tale quesito ha risposto invitando i giovani a parlarne tra di loro, in famiglia, a scuola, perché partendo proprio da una solida conoscenza si compiranno i primi passi verso una società libera.

Nel secondo appuntamento in programma per il prossimo 16 novembre interverranno Chiara Vecchio-coordinatrice provinciale dell’associazione Libera contro le mafie- Cristina Marchadella famigliare di vittima innocente di mafia e il giornalista Antonio Massariolo che presenteranno il fumetto “Quanto può crescere una quercia?” dedicato a Matteo Toffanin giovane ucciso dalla mafia in Veneto